Kiss: “la nuova generazione di fan della musica non è stata educata a pagare per la musica”, Gene Simmons

Gene Simmons ha dichiarato che scrive nuova musica in ogni momento, ma insiste che il mercato musicale per le nuove band è finito. Sebbene i KISS non abbiano pubblicato un nuovo album dal 2012 con “Monster”, il frontman Paul Stanley ha invece spiegato che un seguito è in lavorazione. Invervistato da Doug Podell della stazione radio, Detroit, 94.7 WCSX se ci sia ancora un incentivo per i KISS a fare nuovi album anche in considerazione del fatto le vendite di dischi hanno ormai un peso minore rispetto ad un paio di decadi fa, Simmons ha così risposto (l’audio è disponibile qui sotto): “Quel business è morto. Non per noi — noi facciamo ancora tour, e i THE [ROLLINGSTONES possono ancora suonare le loro canzoni che tutti amano e così Paul McCartney e il resto delle band famose. Ma per le nuove band, è tutto finito. Devi fare musica gratuitamente, perchè generazioni di fan sono state educate — vergognosamente — a non pagare per la musica. Download, fileshare, streaming —Non me ne frega come lo chiami — la verità è che le nuove band non hanno una concreta possibilità di prendere soldi.“Ha poi proseguito: “Se si tratta di scrivere, di certo, Io scrivo in ogni momento. Un paio di settimane, mi sono trovato con [il chitarrista originale dei KISSAce [Frehley] e abbiamo scritto un paio di brani per il nuovo album, che uscirà qualsiasi cosa lui dica. Così scrivo ogni volta che mi è possibile, nel box set, che dovrebbe uscire — oh non lo so esattamente — prima della fine dell’anno, ci saranno centinaia di canzoni. Ma il mercato della musica? No, quello è morto. E’ morto. Perchè i fan non pagheranno più per la musica.”Simmons ha anche criticato i RADIOHEAD per aver usato un sistema di pagamento basato sulle donazioni nel loro album del 2007 “In Rainbows”, spiegando: “C’è stata una band inglese che è ben rispettata. Non faccio il loro nome, perchè altrimenti i fan si arrabbiano. Ma sono Io stesso un fan del gruppo. Hanno deciso di pubblicare un album via Internet, con il seguente annuncio, ‘Ascolta il nostro album, non abbiamo fissato un prezzo. Paga quello che ti pare, oppure non pagarlo del tutto.’ L’hanno fatto una volta sola, perchè non ha funzionato. Se entri in un negozio con su un insegna che dice, ‘Puoi avere tutto gratis o pagare quello che ti va,’ per quanto pensi che quel negozio rimarrà in affari?

Gene ha poi commentato le dichiarazioni di Stanley, che aveva prospettato un nuovo album dei Kiss: “E’ una questione controversa. Per certi versi non c’è alcuna ragione per fare nuova musica. Perchè al momento non c’è un sistema di distribuzione in grado di pagarti. Siamo in una situazione in cui gli artisti prendono ciò che gli viene dato, invece di quello che meritano. Per è un problema morale, più che altro, perchè Io non devo pagare l’affitto, ma le nuove band?”

Stanley aveva precedentemente dichiarato, “ne vale la pena [fare un nuovo album] se dal punto di vista artistico, lo vuoi fare. Ogni volta che finisci un album è una cosa del tipo, ‘Bene, l’ho fatto.’Qualsiasi album abbiamo scritto… Quando abbiamo composto ‘Sonic Boom’, è stato fatto perchè la band era in forma e ho pensato che sarebbe stata una vergogna non farlo. Tuttavia una volta completato ‘Sonic Boom’, mi sono detto, ‘Abbiamo centrato il bersaglio.’ E alcuni anni dopo, ‘Perchè non andiamo più a fondo, più vicino alle nostre radici in modo da avvicinarci alle persone che amiamo o qualcosa del genere,’ così lo abbiamo fatto e mi sono detto, ‘Siamo arrivati.’ Solo che poi ci siamo detti perchè non ne facciamo un altro.”

Interview (audio):

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here