Alice Cooper: “siamo tutti amici nello spettacolo, ma in realtà vogliamo prenderci a calci nel culo”

Alice Cooper è stato intervistato in occasione del nuovo album “Paranormal”, che è stato rilasciato via earMUSIC. La parte 2 di una serie di video interviste, “A Paranormal Interview”, può essere visto qui sotto e di seguito alcuni estratti dell’intervista:

Alice sul miglior album, “Se chiedete a Paul McCartney se ha già fatto il suo miglior album, lui vi risponderà di no, così se mi chiedete se ho fatto il mio miglior show o il miglior disco, vi dico di no. Certo ho fatto dei buoni spettacoli, alcuni difficili da replicare, ma non quello definitivo e questo vale anche per l’album. E’ questo il motivo per cui Bob Dylan e gli altri grandi continuano a scrivere e suonare, perchè cercano di ottenere il meglio.”

Alice sugli imprevisti nello show, “Esiste sempre la possibilità di uno spinal tap, quando sei sul palco con tante cose che si muovono può sempre rompersi qualcosa. Come puoi sempre fare un errore a livello visuale, come cadere, non bisogna averne paura, ma divertirsi, sapere che fa parte dello show e proseguire.”

Alice sul fatto che sono tutti amici, “Penso che vi sia della competizione non dichiarata tra noi artisti, ma è una cosa di cui non si parla in realtà, infatti sono tutti amici nel nostro business. Non ho alcun nemico nello show. David Bowie era mio amico. Non ho mai avuto conflitto con Marilyn Manson, pur avendo idee diverse. Se vado a fare un concerto con gli Aerosmith e Ozzy nel backstage parliamo tutto il tempo e ci complimentiamo per i nostri nuovi album, ma la verità è che Steve e Ozzy vogliono prendermi a calci nel culo, fare un concerto migliore del mio. E penso che sia una buona cosa per noi. E’ una competizione positiva, perchè ci consente di dare il meglio sul palco, nel momento in cui proviamo a superarci.”

A Paranormal Interview Part 2:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here